Indennità suppletiva di clientela: accantonamenti indeducibili.

14Mar08

L’indennità suppletiva di clientela – dovuta soltanto in caso di scioglimento del contratto a tempo indeterminato ad iniziativa del proponente per fatto non imputabile all’agente – costituisce, in pendenza del rapporto, un costo meramente eventuale sia nell’an sia nel quantum, pertanto i relativi accantonamenti non sono deducibili nei limiti delle quote maturate nell’esercizio, come previsto dall’art. 105, comma 1, D.P.R. n. 917/1986.

(Cassazione civile Sentenza, Sez. Trib., 29/02/2008, n. 5456)



No Responses Yet to “Indennità suppletiva di clientela: accantonamenti indeducibili.”

  1. Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: