IVA non applicata per errore: il contribuente non perde il diritto alla detrazione.

15Mar08

In materia di IVA, è compatibile con il diritto comunitario la previsione – nel diritto nazionale (italiano, nella specie) – di un termine prescrizionale per l’esercizio, da parte del soggetto passivo IVA, del diritto a detrarre l’imposta a monte sui beni e servizi che impiega ai fini di sue operazioni soggette ad imposta; l’amministrazione fiscale, peraltro, può verificare le dichiarazioni IVA dei soggetti passivi anche dopo la scadenza di tale termine prescrizionale, ed è legittima la riscossione dell’imposta dovuta ma non assolta. Tuttavia, quando dalla verifica emerge un debito IVA non dichiarato (che – se fosse stato dichiarato – avrebbe dato origine ad un concomitante diritto alla detrazione), il debito non può essere riscosso coattivamente senza tener conto del diritto alla detrazione.

(Conclusioni dell’Avvocato Generale 13/03/2008, n. C-95/07 e C-96/07)

Advertisements


No Responses Yet to “IVA non applicata per errore: il contribuente non perde il diritto alla detrazione.”

  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: