Regime fiscale agevolato per le nuove attività.

10Mag08

Chi inizia una nuova attività può beneficiare di un ulteriore regime fiscale agevolato previsto per le persone fisiche ed imprese familiari che avviano una attività imprenditoriale o di lavoro autonomo. Si applica per il primo periodo d’imposta e i due successivi e prevede il pagamento di un’imposta sostitutiva dell’Irpef del 10% e una serie di semplificazioni contabili.

Il beneficio del regime agevolato può essere riconosciuto esclusivamente a contribuenti in possesso di determinati requisiti e solo al verificarsi di specificate condizioni:

a)      il soggetto che lo richiede deve essere una persona fisica o un’impresa familiare;

b)      il contribuente non deve aver esercitato negli ultimi tre anni attività artistica, professionale o d’impresa, neppure in forma associata o familiare;

c)      l’attività da esercitare non deve costituire il proseguimento di un’altra attività svolta precedente¬mente in forma di lavoro dipendente o autonomo (tranne il caso del periodo di pratica obbligatoria ai fini dell’esercizio di arti o professioni);

d)      è necessario che si realizzino compensi di lavoro autonomo o di ricavi non oltre un determinato ammontare. Precisamente, l’ammontare dei compensi o ricavi attesi deve essere:

•       per i lavoratori autonomi, non superiore a 30.987,41 euro;

•       per le imprese, non superiore a 30.987,41 euro, se hanno per oggetto prestazioni di servizi, ov-vero a 61 .974,83 euro per le imprese aventi per oggetto altre attività;

•       qualora venga proseguita un’attività d’impresa svolta in precedenza da altro soggetto, l’ammontare dei relativi ricavi, realizzati nel periodo d’imposta precedente quello di riconoscimento del beneficio, deve essere:

–       per le imprese, non superiore a 30.987,41 euro, se hanno per oggetto prestazioni di servizi,

–       per le imprese aventi ad oggetto altre attività, non superiore a 61.974,83 euro;

•       occorre, infine, adempiere regolarmente gli obblighi previdenziali, assicurativi e amministrativi.

Per chi sceglie di avvalersi del regime fiscale agevolato, le agevolazioni consistono in:

a)      riduzione del carico fiscale: infatti, è prevista una tassazione forfetaria del reddito d’impresa o di lavoro autonomo, con l’applicazione di un’imposta sostitutiva dell’Irpef, e relative addizionali regionali e comunali, nella misura del 10%.

b)      semplificazione degli adempimenti contabili: è previsto, infatti, l’esonero dai seguenti obblighi contabili:

a.      1.      registrazione e tenuta delle scritture contabili rilevanti ai fini delle imposte dirette, dell’imposta regionale sulle attività produttive (Irap) e dell’imposta sul valore aggiunto (Iva);

b.      2.      liquidazioni e versamenti periodici dell’Iva;

c)      concessione di un credito d’imposta per l’acquisto d i ti che si dotano di computer, modem e stampante è r del loro costo con il limite massimo di 309,87 euro;

d)      non assoggettamento a ritenuta d’acconto, da parte del sostituto d’imposta, dei ricavi e dei com-pensi riguardanti il reddito oggetto del regime fiscale agevolato; a tal fine i contribuenti devono rilasciare una dichiarazione dalla quale risulti che il loro reddito è soggetto ad imposta sostitutiva e che pertanto non deve essere effettuata la ritenuta d’acconto;

e)      assistenza gratuita fornita direttamente dall’Agenzia delle Entrate (tutoraggio – vedi più avanti): è prevista la facoltà per il contribuente di essere assistito gratuitamente dall’Ufficio dell’Agenzia del-le Entrate territorialmente competente negli adempimenti fiscali formali (ad esempio: compilazione dell’UNICO, liquidazione dei tributi, ecc.).

Il regime agevolato ha la durata massima di tre anni e si applica per il primo periodo d’imposta in cui ha inizio l’attività e per i due successivi.

I soggetti che desiderano avvalersene devono comunicare la scelta utilizzando l’apposito modello:

       in sede di presentazione della dichiarazione d’inizio attività;

       o entro 30 giorni dalla data di presentazione della citata dichiarazione;

       entro 30 giorni dall’inizio del periodo d’imposta (per i due periodi d’imposta successivi a quello d’inizio).

La scelta vincola il contribuente per almeno un periodo d’imposta e può essere revocata, con analoga procedura, dandone comunicazione ad un ufficio locale dell’Agenzia delle Entrate. Lo stesso modello deve essere utilizzato qualora il contribuente intenda chiedere all’Agenzia delle Entrate anche l’assistenza fiscale nell’adempimento degli obblighi tributari.

L’unica causa di decadenza prevista è il superamento dei limiti dei compensi o ricavi richiesti dalla norma. In particolare, il regime agevolato cessa di trovare applicazione e l’intero reddito d’impresa o di lavoro autonomo è assoggettato a tassazione ordinaria:

       dal periodo d’imposta successivo, nel caso in cui siano superati i limiti di ricavi e compensi di 30.987,41 e/o di 61.974,83 euro, ma non oltre il 50% (e quindi fino a 46.481,12 e/o 92.962,24 euro); in pratica, il superamento dei valori massimi entro limiti contenuti consente di mantenere il godi-mento dell’agevolazione per l’anno in cui si è verificato;

       a decorrere dallo stesso periodo d’imposta in cui si verifica lo splafonamento, nel caso in cui, inve-ce, i ricavi e i compensi superino del 50% i limiti richiesti.

Fonte: Agenzia Entrate

Advertisements


No Responses Yet to “Regime fiscale agevolato per le nuove attività.”

  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: