Quesito: avviso accertamento carburante.

06Set08

Sono titolare di un’azienda di autotrasporti c/terzi, iscritta all’albo, ed opero con un furgone e, dal 2004,ho acquistato anche un autovettura con la quale fare piccole consegne di posta e per utilizzo personale. Sono in contabilità semplificata. Nel 2005 mi è stato fatto un accertamento dalla GdF nella quale mi è stata contestata la detraibilità del 100% dei costi di carburante a partire dal mese di dicembre 2003 (nel quale ho acquistato l’autovettura) e per tutto il 2004, nonchè di alcune spese di manutenzione (in particolare pneumatici) in quanto sulle relative fatture non era stata indicata la targa del veicolo. Successivamente, per lo stesso motivo mi è stato inviato avviso di accertamento da parte dell’Agenzia delle Entrate. La stessa mi ha contestato la stessa indetraibilità dovuta però, non solo, all’omessa indicazione della targa, ma anche al fatto che dovevo utilizzare la carta carburante al posto della fattura. La legge istitutiva della carta carburante dice che per acquisti di oli da gas da parte di aziende di autotrasporto c/terzi (gasolio?) e per acquisti effettuati durante l’orario di chiusura degli impianti è permessa l’emissione della fattura da parte del gestore. I miei acquisti di carburante avvengono durante l’orario di chiusura utilizzando una card del gestore (non dell’industria petrolifera) che al mattino, all’apertura del distributore, invia la stampa su buoni dove vengono indicati la targa, lt e prezzo dell’erogazione. Sulla base di tali stampe a fine mese viene emessa la fattura dal gestore.Ora, a richiesta documentazione comprovante l’inerenza della spesa, ho presentato tutti i buoni suddetti che sono riuscito a reperire (molti sono andata persi), pensando che, almeno per questi, mi venisse riconosciuta l’inerenza della spesa, visto che è indicato il nr. di targa. Invece, continua a non essermi riconosciuto il 100% dei costi, con una conseguente maggiore imposta imputata + interessi per circa 20.000 euro (le sanzioni e maggiori imposte della GdF ammontavano a circa 44.000 euro).Il mio quesito a questo punto è il seguente: nell’anno in contestazione ho percorso con il furgone km. 194.000 risultanti dalle fatture da me emesse e regolarmente incassate (vengo pagato a km percorso). Mi può essere contestato che tutti questi km sono stati da me effettuati senza consumare un lt di gasolio?? o, per il principio, dell’accertamento induttivo, potrei richiedere una verifica sul consumo medio di gasolio e che, perlomeno, mi venga riconosciuto, ad esempio, l’8% di consumo medio che da la casa costruttrice del furgone?



No Responses Yet to “Quesito: avviso accertamento carburante.”

  1. Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: